NEWS

Studio Livraghi Commercialisti Associati

Novità DDL 2017: Studi di settore25/10/2016

Il decreto fiscale collegato alla legge di bilancio dovrebbe apportare rilevanti novità materia di studi di settore, nell'intento di trasformarli da uno strumento con una finalità repressiva ad uno di accompagnamento alla compliance, che stimola l'adempimento spontaneo e l'autoemersione delle basi imponibili.
Il percorso di riforma partirà con l'introduzione degli indicatori di fedeltà fiscale a partire dall'anno d'imposta 2017 e con la definizione, ad opera di apposito DM, delle modalità di esclusione progressiva dai controlli basati su tali strumenti, ad eccezione dei casi più gravi di frode. 
In tale contesto - come anticipato dal Viceministro all'Economia, Luigi Casero - potrebbero essere eliminati anche alcuni studi di settore non efficienti/efficaci, specie quelli per alcune categorie di professionisti che hanno un andamento dei compensi non proiettabile nel tempo, con picchi non costanti negli anni, come, per esempio, quello degli avvocati.
Sulla base dell'indice di fedeltà fiscale espressa dai nuovi indicatori sarà poi possibile accedere ad un regime premiale che consentirà, tra l'altro, di beneficiare di una corsia preferenziale per i rimborsi.

Indietro